Tag: estate

5 idee per rendere meno traumatico il rientro definitivo dalle ferie estive

Non so come prende a te, ma a me sapere che le ferie estive sono definitivamente finite e che tra poco inizierà l’autunno prende sempre male. Perché c’è qualcosa di particolarmente incantevole nell’estate, un senso di libertà e spensieratezza che le altre stagioni non portano con sè. E poi, vogliamo mettere le tante ore di luce, le innumerevoli serate passate fuori casa a chiacchierare mentre si gusta un gelato, la camminate in montagna e i tuffi in mare? Insomma, quando l’estate finisce c’è sempre una punta (ma anche due o tre) di malinconia nei miei pensieri.

Resta solo una cosa da fare per non cadere in uno stato di inutile rimpianto: darsi da fare per rendere speciali anche quei mesi che, ammettiamolo, passiamo più che altro in ufficio o comunque al lavoro. Io ho già iniziato a pensarci e oggi voglio condividere con te le mie strategie per dare vita alla stagione autunno-inverno:

  1. Programma il tuo prossimo viaggio (o anche solo una gita di un giorno). Va bene, quest’anno è più difficile a causa della famigerata pandemia da Covid-19 e della risalita dei contagi che ci sta costringendo a fare qualche passo indietro rispetto ai mesi precedenti, ma si tratta solo di ridimensionarsi. Almeno per quanto mi riguarda ho deciso che per quest’anno rinuncio a tutti i viaggi all’estero e mi concentro su mete italiane non troppo distanti da casa. In fondo, anche un weekend fuoriporta aiuta a ritemprare lo spirito dopo una faticosa settimana lavorativa;
  2. Scova la location perfetta per vedere il foliage nella tua città. Abbiamo già parlato delle bellezze dell’estate, ma la palette di colori che l’autunno offre è imbattibile; con le sue infinite sfumature di giallo, arancione e rosso l’autunno trasforma il paesaggio, rendendolo più caldo a dispetto delle temperature che, invece, iniziano a scendere;
  3. Sperimenta nuove ricette! Il mondo lo possiamo girare anche in modo diverso, tramite gusti e sapori di altri paesi. Personalmente, di tanto in tanto, mi piace cucinare pollo al curry, infornare un flammkuchen, fare l’hummus e la tzatziki, per non parlare di una grande hit del lockdown, ovvero le serate burrito e chili con carne. Ma se l’etnico non fa per te, nessun problema: l’Italia ha una cucina talmente variegata che è impossibile annoiarsi e l’arrivo dell’inverno è il momento perfetto per prediligere le cotture al forno, più leggere e versatili;
  4. Scegli una nuova serie tv. Le giornate si accorciano, l’aria rinfresca e inevitabilmente si inizia a uscire meno dopocena, specialmente per una passeggiata senza meta. Ecco allora che giunge il momento di sfogliare i cataloghi di Netflix e Amazon Prime alla ricerca della prossima grande storia in grado di appassionarti e riempire quelle serate in cui il divano diventa il tuo migliore amico;
  5. Impara l’arte! Con l’inizio dell’autunno ricomincia anche la stagione dei musei e perdersi davanti ai quadri di una mostra aiuta sempre a riempire la vita di bellezza. Io ho già messo gli occhi su “Monet e gli impressionisti” ospitata a Palazzo Albergati a Bologna, ma anche “Van Gogh – I colori della vita” che verrà inaugurata a Padova il prossimo 10 ottobre è decisamente sulla mia wishlist.

Naturalmente ci sono infinite altre cose che si possono fare come leggere quel libro che hai sul comodino da mesi, ma su cui ancora non sei riuscito a mettere gli occhi, o realizzare qualcosa con il fai-da-te (tanto i video di diy su youtube ormai si sprecano). Su tutte, però, la migliore rimane solo una: organizzare una bella cena fra amici e recuperare quelle piccole tradizioni del fine settimana che si erano perse nei mesi di lockdown.

Hai anche tu le tue strategie? Cosa ti piace fare nei mesi più freddi?
Soprattutto, non è che hai da consigliarmi una bella serie tv? Sono a caccia di suggerimenti 😉

Estate 2020: attimi di dimenticanza

Vi sono momenti minuscoli di felicità, e sono quelli durante i quali si dimenticano le cose brutte.
La felicità, signorina mia, è fatta di attimi di dimenticanza…
[Totò a Oriana Fallaci
]

Sono pronta, voglio fare incetta di attimi di dimenticanza. Perché, ammettiamolo, quest’anno non ha certo brillato in gioia e spensieratezza e allora, voglio dimenticare.

Voglio dimenticare i sabato sera noiosi e le domeniche solitarie del lockdown. Voglio dimenticare l’aver avuto voglia di abbracciare i miei genitori e il non averlo potuto fare perché era (e forse è ancora) più prudente così, l’aver potuto passare del tempo con gli amici solo attraverso un monitor, l’essere diventata zia a distanza.

Voglio dimenticare le file allucinanti per entrare al supermercato, la caccia a gel igienizzanti, mascherine chirurgiche, farina e lievito. Voglio dimenticare la nevrosi esacerbata di certa gente e, opposta e contraria, la noncuranza ignorante di certa altra gente.

Voglio dimenticare le interminabili giornate di lavoro, l’organizzazione emergenziale a distanza di progetti che senza il Covid-19 non avrebbero mai visto la luce.

Voglio dimenticare l’espressione “nuova normalità”.

Voglio dimenticare l’incertezza del cosa ne sarà di noi dopo la pandemia.
Adesso ho solo una certezza ed è questa: finalmente, è arrivato il momento in cui inizia la prima parte delle mie agognate (e, me lo dico da sola, ma vi giuro che lo sono, meritatissime) ferie. Per dimenticare non c’è niente di meglio che sedersi sulla sabbia e contemplare il mare, con le sue onde che vanno e vengono in moto perpetuo.

A presto, amici del blog.
Come sempre, se volete stare con me anche nei prossimi giorni potete seguire il mio account Instagram.

Pic of the Month – September 2019

Last month I got to go back to one of my favourite places on earth, the beautiful Isola d’Elba. It had been 6 years since I last were there, and I was missing everything about it: the bright colors, the smell of maritime pine trees and eucalyptus, the variety of beaches (white sand, golden sand, white rocks, dark rocks), the peaceful silence, the starry sky in the night. But the real reason behind the choice of going back there was that my boyfriend never visited the island before. One of the first things I told him when we got together was that I had to show him around Isola d’Elba so I guess that after 4 years it was time to keep my promise.

It was a great week and, though I visited the island about 15 times before last september, I even got to do something I never did before: enjoy the sunset in Viticcio with my one true love.