Tag: generi letterari

(Perd)Incipit! #5

Era una gioia appiccare il fuoco.
Era una gioia speciale vedere le cose divorate, vederle annerite, diverse. Con la punta di rame del tubo fra le mani, con quel grosso pitone che sputava il suo cherosene venefico sul mondo, il sangue gli martellava contro le tempie, e le sue mani diventavano le mani di non si sa quale direttore d’orchestra che suonasse tutte le sinfonie fiammeggianti, incendiarie, per far cadere tutti i cenci e le rovine carbonizzate della storia.

L’incipit di “Fahrenheit 451, romanzo scritto nel 1953 da Ray Bradbury, è un altro esempio di attacco in medias res. Il lettore viene subito catapultato in una realtà alternativa in cui il protagonista, Guy Montag, è un pompiere che invece di domare gli incendi ha il compito di appiccarli. Bersagli di questi roghi programmati sono le case di coloro che, sovversivamente, conservano in casa libri e altri oggetti di carta stampata, poichè all’ottundimento dei megaschermi e degli slogan preferiscono ancora pensare con la propria testa.

La realtà distopica immaginata da Bradbury più di mezzo secolo fa non è poi così lontana da ciò che viviamo oggi; basti pensare al fatto che siamo costantemente circondati da smartphone e tablet, alla televisione che ancora ci propina pupe, secchioni, isole dei famosi e spazzatura sul genere e un numero di lettori che in Italia non supera il 42% della popolazione (per non parlare del fatto che la percentuale di analfabetismo funzionale si attesta intorno al 30% degli italiani, che è poi anche la stessa percentuale di consenso della Lega…).
Questo, oltre al fatto che “Fahrenheit 451” è scritto molto bene, rende il romanzo una lettura assieme godibile e che fa riflettere. Se poi, come la sottoscritta, hai una passione per la narrazione distopica, questo libro devi leggerlo assolutamente!

Hai già letto Fahrenheit 451? Cosa ne pensi?
Ti piace il genere distopico?
Per me è stato amore a prima lettura grazie a “1984” di Orwell…

Vuoi allargare i tuoi orizzonti? Frequenta un gruppo di lettura

Scatta qualcosa nell’animo umano quando, a Capodanno, i bicchieri si toccano tintinnando e ci si bacia sotto al vischio, qualcosa che in qualche modo resetta quanto è appena successo nell’anno precedente e ci fa guardare con speranza ed entusiasmo all’anno appena iniziato. Lo sento in me e lo vedo nelle persone che mi circondano. Mi pare che l’ovvia conseguenza sia eleggere l’inizio di un nuovo anno a miglior momento per iniziare a battere nuove strade. E se, come me, anche tu sei sempre a caccia di qualcosa che ti apra la mente, il mio consiglio è quello di trovare in rete il gruppo di lettura più vicino a te e iniziare a frequentarlo: da qualche anno, infatti, i circoli letterari spopolano in Italia (literature never dies) e moltissime biblioteche ne hanno uno proprio.

Non è un mistero che la sottoscritta partecipi, da ben 4 anni, a due diversi gruppi di lettura. Con conseguenze a volte rocambolesche come sbagliare fermata del bus perché hai il naso piantato fra le pagine, ché l’incontro di un gruppo è il giorno seguente e mancano ancora 100 pagine per finire il libro.
Pittoresca immagine a parte, quando mi capita di parlarne con colleghi e amici che non frequentano gruppi di lettura, ma che leggono o che avrebbero intenzione di cominciare/riprendere o aumentare il volume delle letture, sorge sempre la stessa domanda: Ma perché vai a un gruppo di lettura?
Così come rispondo a loro, voglio condividere anche con te i miei 5 ottimi motivi per partecipare a un gruppo di lettura:

  1. Si scoprono romanzi e autori di cui non si sospettava nemmeno l’esistenza, passando continuamente da un genere all’altro. Sei un lettore onnivoro? Perfetto. Sei uno un po’ più selettivo? Meglio ancora! Potrai espandere i tuoi orizzonti come non hai mai fatto prima;
  2. Si incontrano persone che hanno una vera passione. Sì, ok, magari uno predilige il cyberpunk mentre l’altro divora romanzi epistolari ambientati nell’Ottocento, ma una cosa in comune c’è ed è la passione per la lettura. Se ancora non sei sicuro di sentire il richiamo della Musa, il gruppo ti aiuterà a metterti in contatto con lei;
  3. Non ci si annoia mai. Specie se il libro appena letto tratta argomenti attuali o controversi la discussione tende a fiorire spontaneamente e il confronto diventa davvero interessante;
  4. A volte, cambi prospettiva. È un dato di fatto che ciascuno interpreta le storie a suo modo. Discutere di un libro insieme ad altre persone ti fa vedere le cose con occhi diversi e capita che addirittura stravolga il senso che gli avevi attribuito inizialmente;
  5. Si instaurano piccoli rituali. La pizzata di fine anno, lo scambio di libri natalizio, i giochi a tema letterario per il compleanno del gruppo. Piccoli momenti di aggregazione che ti fanno capire che ti sei fatto degli amici che, perdipiù, possono prestarti quel libro che volevi tanto leggere, ma non hai trovato in biblioteca.

Su quali libri ti piacerebbe avere un confronto? Ci sono romanzi che hai amato, ma che non sono conosciutissimi e ti piacerebbe far leggere ad altre persone?
Dai, parliamone nei commenti!