Tag: pensare troppo

I pensieri sono riflessi di ciò che sappiamo

Non portarti dietro i tuoi pensieri, la tua conoscenza, non portarti dietro niente di ciò che riempie il secchio, e che non è altro che acqua, perché altrimenti guarderai sempre e solo il riflesso, e nient’altro. Nella ricchezza, nei beni materiali, nella casa, nell’automobile, nel prestigio, tu non vedrai che il riflesso della luna piena nell’acqua del secchio, mentre la luna vera è li, in alto, che ti aspetta da sempre.
Lascia cadere il secchio, così che l’acqua sfugga via, e con essa la luna. Solo questo ti permetterà di alzare lo sguardo e vedere la vera luna nel cielo; ma prima devi avere conosciuto il sapore del vuoto, devi lasciar cadere il secchio della tua mente, dei tuoi pensieri: non più acqua, né luna. Il vuoto nelle mani.

 

Carl Jung, Libro rosso

Person throwing bucket of water

Analisi illogica

fireworksQuando guardi i fuochi d’artificio o quando a un concerto ci sono effetti speciali come fuoco e fumo, non ti entusiasmi perché ti stupiscono e sono belli?

Io sì, mi entusiasmo e basta. Non sto lì a cercare di capire il meccanismo che li rende possibili, e credo non lo faccia neanche tu (a meno che tu non abbia la vocazione da ingegnere, si intende). Me li godo, mi vivo il momento con leggerezza. Non metto in moto il cervello, non analizzo.

E allora, basta! Devo smetterla, smetterla di analizzare, smettere di cercare il particolare discriminante, smettere di guardare al futuro con la paura che il passato possa ripetersi.

Perché sì, potrebbe succere. Potrebbe, condizionale. Potrebbe, ma anche no.

Don’t analyse
Don’t analyse
Don’t go that way
Don’t lead that way
That would paralyse your evolution