Tag: senso di colpa

L’altro lato del mondo

Voglio partire con una dichiarazione: non avevo mai letto niente di simile a questo libro. Ne consegue direttamente che sono stata felicissima di affondare il naso questo romanzo di Mia Couto, scrittore contemporaneo di origini mozambicane. Che poi mi sia piaciuto veramente tanto è solo la ciliegina sulla torta.

Jesusalém, titolo originale dell’opera, composto dalle parole portoghesi Jesus e além (oltre, al di là di), è la città fittizia creata da un padre delirante all’interno di un vecchio parco safari abbandonato, per sfuggire a una realtà che non può accettare. Creatore di un mondo alternativo, dove non è permesso pregare nè piangere, leggere nè scrivere, questo padre trascina con sè i due figli, il cognato e un ex militare, il braccio destro e armato del gruppo. Ma a ben vedere, vi è anche un sesto personaggio, non presente ma sempre, costantemente evocato: la madre dei ragazzi, Dordalma. È proprio intorno al mistero della madre che ruota il romanzo, è la sua morte a determinare il folle esilio del padre che cerca di convincere i familiari che al di là di Jesusalém non c’è niente, che tutto il resto del mondo è scomparso.

Intenso, a tratti spruzzato di realismo magico e punteggiato di poesia. Così è questo romanzo, in cui occorre immergersi totalmente per far affiorare e collegare fra loro i tanti temi che lo compongono: la colpa, la vergogna, l’omissione, il silenzio. Una volta trovati tutti i tasselli si forma un puzzle bellissimo, brutale e spiazzante. Da parte mia, posso solo consigliarti di iniziare a cercarli.

La ballata di Adam Henry

“La ballata di Adam Henry” è il penultimo romanzo di Ian McEwan che, prendendo spunto da un caso giudiziario realmente accaduto, dona al lettore una storia dai profondi risvolti etici e morali.la-ballata-di-adam-henry

Due sono i protagonisti di cui s’intrecciano i destini: il minorenne Adam Henry, giovane malato di leucemia che, in quanto Testimone di Geova, rifiuta le trasfusioni di sangue che potrebbero salvargli la vita, e Fiona Maye, giudice della Corte Suprema che deve prendere una decisione circa quale sia il miglior interesse di Adam, se salvargli la vita o concedergli il diritto di decidere della sua morte.

Senza dire altro, già capisci che la morale pervade il racconto, lasciando al lettore la responsabilità di comprendere, soppesare, valutare. Non sarebbe però McEwan se, oltre a questo, non ci fossero altri spunti di riflessione altrettanto corposi. Anche in questo romanzo, come già in Espiazione, viene affrontato il tema della colpa e, ancora più interessante ho trovato un’altra tematica. Fiona entra a gamba tesa nella vita di Adam e ne rivoluziona il sistema culturale, senza però offrirgli una chiara visione nè gli strumenti adatti a vivere una nuova vita. Pensa di fargli del bene, di aiutarlo, ma lo pensa con la sua testa senza mettersi nei panni di Adam… quante volte noi stessi pensiamo di fare del bene, ma finiamo per causare dolore, sebbene mossi dalle nostre più nobili intenzioni?

Spunti a parte, sui quali ho ricamato per giorni (e anzi, non ho ancora finito), ho fatto un po’ fatica ad appassionarmi alla storia. Sicuramente avrei preferito ci fosse più spazio per l’interazione fra Adam e Fiona o altri approfondimenti sui Testimoni di Geova (che mi sono resa conto di non conoscere affatto). Invece, ad avere ampia risonanza è la vita interiore ed esteriore di Fiona, ma temo di non avere colto il senso di questa decisione. Tuttavia, sono contenta di aver letto questo libro anche perché, magari non sarà il miglior McEwan, ma è pur sempre McEwan.

Espiazione

Qualche mese fa ho partecipato a un’iniziativa di bookcrossing. A grandi linee, funzionava così: tramite il passaparola, tu inviavi un libro all’amico di un amico in forma anonima e a te potevano arrivarne fino a 36. “Espiazione” di Ian McEwan è uno dei libri che mi è arrivato e, se solo sapessi chi me l’ha mandato, lo ringrazierei veramente di cuore.

espiazione-mcewanEspiazione è un romanzo intenso che, perdonami il gioco di parole, mette in luce le ombre dell’animo umano e, proprio per questo, tra le altre cose, tratta di un tema universale come quello del bene e del male.

La prima parte del romanzo si svolge in Inghilterra. È il 1935, già si vocifera di guerra e l’atmosfera soffocante dell’estate contribuisce al presagio che qualcosa di terribile debba accadere. La protagonista, Briony Tallis, è una ragazzina molto ambiziosa il cui sogno è diventare una grande scrittrice. Sarà la sua fervida immaginazione a segnare il destino e le vite di sua sorella Cecilia e di Robbie, il figlio della loro domestica. Oltre che, naturalmente, la sua stessa. Continua a leggere “Espiazione”