Tag: umanità femminile

Non ci sto

Non ci sto al multitasking, a che si pretenda che io gestisca più cose contemporaneamente perché, si sa, “una donna ci riesce”. Non ci sto soprattutto perché, casomai, rispetto a un collega uomo di pari livello, il mio stipendio risulta più basso.

Non ci sto all’idea di non poter usare certe parole o espressioni perché “sei una signorina, non sta bene”. In generale, non ci sto a dover adottare un certo tipo di condotta solo perché è quello che socialmente e convenzionalmente ci si aspetta da me in quanto femmina.

a-womanNon ci sto a che venga dato per scontato che mi piaccia fare gossip e shopping, guardare video tutorial di makeup, leggere romanzi rosa. Vuoi conoscere una persona? Fai delle domande.

Non ci sto a dover accettare che mi si guardi fisso mentre parcheggio.

Non ci sto alla continua allusione al fatto che, se ho una giornata storta, è perchè sono in sindrome premestruale. Fortunatamente ci tocca solo una volta ogni 28 giorni.

Non ci sto a dover aver paura di essere licenziata se dovessi rimanere incinta. Il buon Iddio ha dotato dell’apposita conformazione procreatrice solo la donna. Quindi?

Non ci sto perché prima di essere una donna sono una persona. E non ci sto perché essere donna non deve essere una condanna.

L’umanità femminile

Un giorno esisterà la fanciulla e la donna, il cui nome non significherà più soltanto un contrapposto al maschile, ma qualcosa per sé, qualcosa per cui non si penserà a completamento e confine, ma solo a vita reale: l’umanità femminile.

Questo progresso trasformerà l’esperienza dell’amore, che ora è piena d’errore, la muterà dal fondo, la riplasmerà in una relazione da essere umano a essere umano, non più da maschio a femmina. E questo più umano amore somiglierà a quello che noi faticosamente prepariamo, all’amore che in questo consiste, che due solitudini si custodiscano, delimitino e salutino a vicenda.

Reiner Maria Rilke

hands holding

Qualche giorno fa sono stata a teatro. Ho vistoDue Partite” di Cristina Comencini e per due ore ho avuto la netta sensazione di non essere poi così strana. Più la messa in scena svelava i pensieri intimi delle protagoniste e più ho avuto la riconferma che essere donna è (e probabilmente sarà sempre) un vortice di caos e follia, viaggi mentali assurdi, tensioni tragicomiche, piccole gioie e piccole paure.

Definire l’identità femminile è impossibile, che sia per sè o in contrapposizione all’uomo. Poco importa, le definizioni sono limitanti e non c’è niente di tanto labile e mutevole quanto la costruzione di una identità.