5 cose da non dire a una mamma che non dorme

6 commenti

<Ho scritto questo post quasi un anno fa, esaurita, nel bel mezzo del periodo più difficile che abbiamo avuto con il sonno e i risvegli notturni di BabyL. Lo condivido nella speranza di strappare un sorriso a quelle mamme che fanno (o hanno fatto) parte del nosleepclub, il peggior club che esista al mondo.>

E no! Non sto parlando dei primi mesi quando è normale che baby si svegli ogni 2/3 ore per mangiare. Nè parlo di quelle mamme il cui bimbo comunque, di giorno, fa i suoi riposini regolarmente, senza rognare. No! Io parlo di e per quelle mamme che si ritrovano a gestire un baby che sembra odiare la sola idea di fare la nanna, che resiste al sonno finché, dopo ore di pianti e malumore, crolla stravolto (magari per un misero quarto d’ora), un baby che ogni notte si sveglia un numero variabile di volte che, immancabilmente, si aggira sulla decina (triste record personale, 15 volte in 9 ore).
A queste mamme certe cose non vanno dette. Io vi avverto, a vostro rischio e pericolo:

  1. Hai sentito/hai visto l’ultima notizia/canzone/serie tv eccetera?
    No, la mamma-che-non-dorme non ha visto né sentito nulla. La maggior parte della sua giornata se ne va nel tentativo di far addormentare il suo pargoletto che sembra invece essere caricato a pile Duracell Ultra Power e che, benché stanchissimo, non chiude gli occhi neanche a pregare in aramaico, preferendo invece urlare e piangere per ore. Quando alla fine baby sviene distrutto, tutto ciò che la mamma-che-non-dorme ha voglia di vedere è il suo letto;
  2. Passerà/l’importante è che stia bene/prima o poi dormirà…
    Lo so, sono frasi di circostanza, quelle che si dicono quando non sai bene cosa dire. Tuttavia, tu che sei lucido perché di notte riposi le tue brave 8 ore, sforzati un pochino di più, dai. Empatizza, offri un aiuto concreto (a una bella lasagna non si dice mai di no), prova a far ridere questa mamma esausta. Perchè, sai, se tu dici “passerà” la mamma-che-non-dorme riesce solo a pensare “E quando?”. Se dici “l’importante è che stia bene” la mamma-che-non-dorme pensa “E ci macherebbe pure che stesse male”. E se poi te ne esci con “prima o poi dormirà” sei fortunato se la mamma-che-non-dorme non ti risponde “E grazie al cazzo!”;
  3. Io con mio figlio facevo X, Y, Z e dormiva.
    Tenerlo sveglio tutto il giorno con metodi più o meno discutibili? Rumori bianchi? Giostrine riflettori? Ninne nanne a 432Hz? Stancarlo con ore di tummy time? Provare con biberon di latte artificiale da mezzo litro? Fargli bere tazze su tazze di camomilla? Che non glielo dai il Nopron (che non è più in commercio da almeno 10 anni, tra l’altro)? Ok, i primi 2/3 mesi i consigli sono anche ben accetti (e manco tutti!), ma ora che baby ne ha 6 o 7, fidatevi, la mamma-che-non-dorme le ha già provate tutte, compreso il rito voodoo con sgozzamento del capretto allo scoccare della mezzanotte del solstizio d’inverno. Quindi, zie Adeline di tutto il mondo, so che siete ben intenzionate, ma anche basta con la riproposizione di metodi che funzionavano, forse, per un bambino in particolare e che non hanno alcun fondamento scientifico (e magari sono pure controproducenti);
  4. Come vola in tempo, eh?
    Volaaare-e, oh oh. L’unica cosa che vola, fuori dalla finestra, è la sanità mentale della mamma-che-non-dorme. Sarà perchè le giornate sono effettivamente di 24 ore (che sembrano poi almeno 48) non stop da mesi? Sarà perché a un certo punto si fa fatica anche solo a preparare un piatto di pasta? Sarà per gli occhi che bruciano, la testa che pulsa, la schiena a pezzi e le braccia stanche per le ore di dondolamenti?
    Certo, nel momento in cui si mettono via le prime tutine o si fa il passaggio da navicella a passeggino già ti pervade un senso di nostalgia di quanto baby aveva poche settimane, di quando non teneva la testolina dritta, di quando faceva quel buon profumo di neonato. Ma no, il tempo non è volato; a volte da quei primi momenti sembrano essere passati circa tre secoli;
  5. Vedrai che con il secondo andrà meglio!
    Secondo? Quale secondo? Stiamo parlando di una tagliata di manzo?
    Al sangue, per favore.
Sei o sei stata anche tu una mamma-che-non-dorme? O, perchè no, un papà membro del nosleepclub?
Qual è stata la frase più odiosa che ti è stata detta?
Dai dai, sparliamone nei commenti 😉

6 comments on “5 cose da non dire a una mamma che non dorme”

    1. Non so cosa sia peggio, avere una prima esperienza traumatica o un secondo figlio terremoto dopo. Di sicuro penso che primo, secondo o terzo figlio non dormire decentemente per mesi e anni è contro natura e per noi adulti, considerando che la vita non si ferma e anzi si è appena aggiunto un (altro) bambino al quadro generale, è devastante! Che dopo ci ridi su, ma sul momento mica tanto…

      "Mi piace"

  1. Mi è piaciuto mokto questo articolo vhe hai scritto con la giusta simpatia e ironia, io jon sono stata mamma per cui non so rispondere alla chiusura del post, però ti mando 7n abbraccio virtuale di uguale solidarietà 🥰

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.